Incanto di schiavi del 2 aprile 1603

Contenuto

Titolo

Incanto di schiavi del 2 aprile 1603

Livello descrittivo

Unità documentaria

Data di inizio

April 2, 1603

Data topica

Cagliari

Ambiti e contenuto

Incanto degli schiavi predetti, fatto per ordine del procuratore reale con il consenso del maestro razionale. Il 4% della vendita spetta alla regia corte.

Il viceré acquista 7 schiavi: Turquis e Embargua per 220 ducatoni, Ali per 120 ducatoni, una schiava con figlioletto per 227 ducatoni e 42 soldi, Fatima per 138 ducatoni e 48 soldi, Amet preso per il privilegio di joya.
Il dottor Antiogo Fortesa acquista Aisse per 74 ducatoni.
Francesco Maglon acquista Casiba per 100 ducatoni e Ferech per 140.
Il conte di Laconi acquista Malorica per 150 ducatoni, Amet e Salem per 240 ducatoni.
A Joan Pere Soler, reggente la real cancelleria, viene venduto Amet per 100 ducatoni.
All’arcivescovo di Cagliari vengono venduti Ali e Amet per 220 ducatoni ed Embarga e Amira per 240 ducatoni.
Il conte di Quirra acquista Monsor per 125 ducatoni e altri due schiavi per 250 ducatoni.
Joan Francesco Jorgi acquista Sale per 120 ducatoni.
Al dottor Salvador Carcassona viene venduta Enbarca per 140 ducatoni.
Johan Naharro de Ruecas, tesoriere, acquista una schiava con una figlia per 168 ducatoni e 40 soldi.
Al reverendo Cristofol Gessa, commissario del Santo Offizio, viene venduta una schiava di nome Aisa per 68 ducatoni. Don Nofre Fabra e Deixer, procuratore reale, compra una schiavetta di nome Embarco per 90 ducatoni.
Antonio de Tola compra Embargue, schiavo, per 80 ducatoni.
Joan Angel Concas compra una schiava con suo figlio per 133 ducatoni e 18 soldi.
Ramon Cetrilla compra Aisa per 70 ducatoni.
A Hieroni Pintor viene venduto uno schiavetto di nome Ali per 50 ducatoni.
Marianna Aragones e Montelles compra una mora e suo figlio per 117 ducatoni.
Balthasar Caseri compra uno schiavo di nome Marquie per 38 ducatoni.
Joseph Garous, siciliano, acquista uno schiavetto di due mesi per 11ducatoni e mezzo.
Francesco Giagarachio compra una mora e due figli per 150 ducatoni.

Consistenza

Cc.2

Caratteristiche materiali e requisiti tecnici

Cartaceo

Lingua

Catalano

Condizioni che regolano l'accesso

Pubblico

Condizioni che regolano la riproduzione

Libero per fini di studio

Soggetto conservatore

Autore trascrizione

Beatrice Schivo

Citazione bibliografica

Pietro Amat di San Filippo, Della schiavitù e del servaggio in Sardegna. Indagini e studi, Stamperia reale della ditta G.B. Paravia e C., Torino, 1894

Autore della riproduzione digitale

Beatrice Schivo

Data della riproduzione digitale

2022/03

Formato

.jpg

ESC - Ente schedatore

UNICa

Autore della scheda

Beatrice Schivo

Data creazione della scheda

2022-11-16

Collezione

Annotazioni

There are no annotations for this resource.