Salta al contenuto principale Skip to footer content

Torri costiere del Regno di Sardegna


a cura di Giampaolo Salice


 

Le torri costiere che ancora oggi punteggiano i litorali delle isole sarde sono uno dei segni più evidenti del complesso rapporto del Regno di Sardegna col Mediterraneo.


Diversamente da quanto potrebbero far pensare le loro denominazioni, le torri sono state quasi del tutto volute, finanziate e costruite dai sudditi sardi, per svolgere quattrofunzioni diverse, ma tra loro interconnesse.

Il complesso delle torri costiere è stato organizzato in sistema gestito dalla Reale amministrazione delle Torri. La magistratura è stata istituita negli anni Ottanta del Cinquecento su mandato di Filippo II e su richiesta degli Stamenti del Parlamento sardo. Furono soprattutto i tributi pastorali a finanziare la sistemazione delle torri ereditate dal passato e la costruzione di quelle nuove necessarie alle esigenze di una società desiderosa di affacciarsi sul mare.

Il sistema di torri svolgeva quattro funzioni essenziali.

In primo luogo, esse operavano da presidio e difesa del regno sia rispetto agli attacchi dei corsari nemici, che per contrastare il diffuso contrabbando. La difesa armata veniva attuata spesso in collaborazione con altri bastimenti regnicoli e in difesa delle imbarcazione di piccolo cabotaggio che solcavano i litorali sardi per connettere regioni diverse del regno.

Le torri svolgevano poi un essenziale lavoro di presidio sanitario, impedendo lo sbarco di bastimenti non dotati delle patenti sanitare e passaporti rilasciati dalle autorità competenti.

Le torri operavano come presidio a protezione delle azioni di infrastrutturazione delle coste, cioè di quei processi socio-economici che spingevano i sudditi del regno a investire risorse finanziarie e capitali umani in rami d'industria connessi al mare: peschiere, tonnare, pesca del corallo, saline, esportazione etc.

Le torri infine erano attori importanti per il controllo della tassazione delle merci importate ed esportate nel regno.


La mappa delle torri sarde


Attraverso questa mappa è possibile visitare virtualmente le oltre cento torri che ancora oggi punteggiano l'intero periplo delle isole sarde. 

Attraverso la mappa è possibile accedere alla scheda relativa a ciascuna torre. 

Le schede vengono completate man mano che avanza la ricerca e sono pertanto in continuo aggiornamento.


 


Approfondimenti

 


Bibliografia

Anatra Bruno, Antonello Mattone e Raimondo Turtas, Storia dei Sardi e della Sardegna: L'età moderna, dagli Aragonesi alla fine del dominio spagnolo, a cura di Massimo Guidetti, Milano, Editoriale Jaca Book, 1989, ISBN 88-16-40234-2. URL consultato il 27 gennaio 2015.

Foiso Fois, Torri spagnole e forti piemontesi in Sardegna, Cagliari, La Voce Sarda, 1981.

Mele, Maria Grazia, e Giovanni Serreli. Sarrabus. Torri, mare e territorio. Grafica del Parteolla, Dolianova, 2007.

Mele, Giuseppe. Torri e cannoni: la difesa costiera in Sardegna nell'età moderna. Sassari: EDES, 2000.

Mele, Giuseppe. L'Amministrazione delle torri del regno di Sardegna (1583-1842). Bollettino Di Studi Sardi 13 (s.d.): 35-134.

Montaldo Gianni, Le torri costiere in Sardegna, Sassari, Carlo Delfino, 1992, ISBN 88-7138-059-2.

Nocco, Sebastiana. Torri e piazzeforti nella Sardegna moderna. Fonti cartografiche e documentarie nella lettura delle trasformazioni territoriali del paesaggio costiero sardo tra XVI e XVIII secolo. In MODERN AGE FORTIFICATIONS of the MEDITERRANEAN COAST - DEFENSIVE ARCHITECTURE OF THE MEDITERRANEAN (FORTMED2015), a cura di Editorial Universitat Politecnica de València. Editorial Universitat Politicnica de València, 2015.

Pillosu Evandro, Le torri litoranee in Sardegna, Cagliari, Tipografia La Cartotecnica, 1957.

Pillosu Evandro, Un inedito rapporto cinquecentesco sulla difesa costiera di Marco Antonio Camos, in Nuovo bullettino bibliografico sardo e archivio delle tradizioni popolari, Cagliari, 1959.

Rassu, Massimo. Sentinelle del mare: le torri della difesa costiera della Sardegna. Edizioni Grafica del Parteolla, 2005.

Rassu Massimo, Guida alle torri e forti costieri della Sardegna, Cagliari, Artigianarte, 2000.

Vacca, Daniele. Le torri costiere del Regno di Sardegna: costruzione, danni e restauri. In Defensive Architecture of the Mediterranean. XV to XVIII centuries, 2:327. Valencia: Editorial Universitat Politicnica de València, 2015.