Salta al contenuto principale Skip to footer content

Porti e scali

L'Età Moderna è stata caratterizzata da profondi cambiamenti socio-economici e politici, con l'espansione delle rotte commerciali globali e la formazione di imperi marittimi. Nel Mediterraneo, il commercio era il cuore pulsante di molte civiltà e l'accesso al mare Mediterraneo era essenziale per il successo economico di molti Paesi. I porti del Mediterraneo servivano come snodi vitali per il commercio di merci, connettendo l'Europa, l'Africa e il Medio Oriente. Merci come spezie, seta, metalli preziosi e manufatti artigianali viaggiavano attraverso questi porti, contribuendo alla prosperità delle città costiere. La costruzione di moli, magazzini, arsenali navali e fortificazioni è stata essenziale per garantire un flusso continuo di merci e la sicurezza delle acque portuali. 

Tra i porti più rilevanti dell'Età Moderna nel Mediterraneo possiamo citare Genova, Livorno, Venezia, Marsiglia, Barcellona, Costantinopoli e Alessandria d'Egitto.

La centralità dei porti e degli scali del Regno di Sardegna viene ridimensionata a partire dal XVII secolo dall'affermarsi di innovazioni rilevanti nel settore navale. La diffusione di galeoni e velieri, bastimenti di dimensioni e pescaggio maggiori delle galere, rese molti approdi impraticabili, perché troppo stretti e bassi. In ogni caso, gli scali sardi mantennero una loro rilevanza come approdi di passaggio o secondari, utilizzati per ripararsi da condizioni metereologiche avverse, come basi per il rifornimento viveri e per di sistemazione di eventuali guasti. Cagliari era frequentata soprattutto perché offriva cereale e sale, mentre negli altri porti sardi si potevano caricare soprattutto prodotti derivanti dalle attività agro-pastorali, cui si aggiungevano altri beni come il corallo (Alghero e Bosa) o il pesce (Oristano). 

Il magistrato che aveva competenza su porti e scali era la Procurazione Reale del Regno di Sardegna (Intendenza generale dal Settecento). I costi di manutenzione dei porti erano a carico del patrimonio regio e vi concorrevano anche le amministrazioni delle città che ne erano servite. 

Questa sezione dell'Atlante esplora i porti del Regno di Sardegna con approfondimenti specifici, che vengono aggiornati con l'avanzare delle ricerche in corso.